La ricerca consente di accedere alle informazioni su oltre 13.500 tra artisti, gruppi e movimenti attivi in Italia dagli inizi del Novecento fino ai nostri giorni. La banca dati, in continuo aggiornamento, comprende non solo gli artisti, circa 6000, che hanno preso parte alle esposizioni della Quadriennale, ma anche i nominativi di coloro che nel tempo hanno inviato all'Istituzione materiale documentario sulla prorpia attività. Per ogni artista, oltre a una sintetica scheda anagrafica, sono descritte la tipologia e la consistenza dei materiali documentari conservati nell'Archivio Biblioteca. Sono inoltre indicate le partecipazioni alle mostre realizzate dalla Quadriennale.

nome
  • Carol
cognome
  • Rama
luogo di nascita
  • TORINO
data di nascita
  • 1918
data di morte
  • 2015
biografia
  • La produzione di Rama – prevalentemente dipinti, disegni e assemblage – ha attraversato tutta la storia dell’arte italiana del Novecento, lambendo le maggiori correnti artistiche e di pensiero che l’hanno distinto, ma senza mai lasciarsi cooptare da alcuna di quelle. Questa produzione rappresenta un inno all’autonomia della ricerca artistica dal sistema dell’arte. Segnata da uno stile “maleducato” (Corrado Levi), da soggetti indecorosi, “irrappresentabili” e “innominabili”, e da una ricerca materica ai confini con l’alchimia, l’opera di Rama è un’intensa esplorazione del corpo e della sessualità femminili – soggetti spesso sottorappresentati nell’arte italiana –, che gradualmente, come in risposta alle prime istanze femministe, assume toni grotteschi e si riversa in un approccio alla materia pittorica e all’oggetto trovato come se questi fossero materia organica primordiale. Articolando la sua ricerca come un continuo processo di soggettivizzazione, Rama approda alle categorie del post-umano e del post-identitario.