La ricerca consente di accedere alle informazioni su oltre 13.500 tra artisti, gruppi e movimenti attivi in Italia dagli inizi del Novecento fino ai nostri giorni. La banca dati, in continuo aggiornamento, comprende non solo gli artisti, circa 6000, che hanno preso parte alle esposizioni della Quadriennale, ma anche i nominativi di coloro che nel tempo hanno inviato all'Istituzione materiale documentario sulla prorpia attività. Per ogni artista, oltre a una sintetica scheda anagrafica, sono descritte la tipologia e la consistenza dei materiali documentari conservati nell'Archivio Biblioteca. Sono inoltre indicate le partecipazioni alle mostre realizzate dalla Quadriennale.

nome
  • Matteo
cognome
  • Fato
 
luogo di nascita
  • PESCARA
data di nascita
  • 1979/11/21
biografia
  • Dal tirocinio presso l’Accademia di Urbino (dove attualmente è docente), Fato raccoglie un’attenzione per i processi del segno, punto di partenza della sua ricerca. Come strumenti d’indagine l’artista utilizza disegno, pittura, incisione e video-animazione, per allargare progressivamente lo spettro dei medium a scultura e installazione, implicando in misura sempre maggiore e specifica lo spazio ambientale. A governare il suo lavoro è sempre un’attitudine analitica del fare pittura, tesa a una “messa in scena” della pittura stessa. All’interno di un immaginario composito, i fondamenti della pittura tradizionale cinese hanno rappresentato per Fato un riferimento importante, riletto alla luce della propria disciplina e del proprio tempo. Gli interessi dell’artista sono quindi transitati verso il problema del rapporto fra immagine e linguaggio, sulla scorta delle riflessioni di Ludwig Wittgenstein. In queste opere, oggetto, parola e spazio vengono allestiti come sul tavolo di un’immaginaria natura morta.